21 Settembre 2021

Don Paolo: preti e laici insieme, per una Chiesa a servizio di tutti

Nella prima puntata di "Eccomi", in onda su Tv2000, un giovane sacerdote siciliano si racconta. Dagli albori della sua esperienza vocazionale fino all'attuale nuovo incarico pastorale: una "stazione missionaria" con le famiglie e per le famiglie...

Don Paolo Cassaniti, siciliano, all’età di quattro anni comincia a strimpellare la tastiera, poi passa alla fisarmonica, che diventerà la sua grande compagna di vita, fino a farlo approdare al Conservatorio. Il mare, il sole, la musica, i ritmi lenti, i primi amori, l’incontro con la sofferenza e una domanda su tutte: “per chi sto vivendo”? È il tempo del discernimento, dell’ingresso in seminario che lo porterà a rispondere “Eccomi” alla chiamata sacerdotale, il 30 dicembre 2017, nella Cattedrale di Cefalù.

Oggi il ministero sacerdotale lo ha condotto ad abbracciare un nuovo progetto di evangelizzazione insieme alle famiglie, sulle orme di San Paolo, Aquila e Priscilla: presbiteri e laici per una Chiesa a servizio di tutti. Il vescovo di Cefalù Giuseppe Marciante, infatti, ha affidato a don Paolo Cassaniti e all’equipe del servizio di pastorale famigliare la stazione missionaria “Paolo, Aquila e Priscilla” di Piano Zucchi – frazione del comune di Isnello (PA) -.

“La stazione missionaria – spiega don Paolo – è un luogo in cui sostare, ma non risiedere; l’ambiente in cui trovare ristoro nel corpo e nello spirito; fare provviste formative e pastorali per l’evangelizzazione e riprendere, con rinnovato impegno missionario, il viaggio verso la propria comunità domestica e parrocchiale”.

Le offerte per i sacerdoti consentono di dar vita anche a progetti come questo: risposte nuove e coraggiose per far fronte a situazioni inedite e che, come comunità evangelizzante, ci provocano.

Se vuoi, qui trovi l’intera puntata di Eccomi dedicata a Don Paolo…

21 Settembre 2021
raccontaci

Hai una storia da raccontarci?

Condividi la tua esperienza, ti potremo contattare per saperne di più.

Iscriviti alla nostra newsletter