20 Luglio 2021

Eustache e Jean Michel: in una famiglia vera, il dono di un fratello

Non li unisce un legame di sangue. Eppure questi due giovani preti ora sono molto più che fratelli: don Jean Michel, incardinato nella diocesi di Livorno, è tornato ad una vita normale grazie don Eustache, che gli ha donato un rene.

Quando nel settembre del 2018 don Eustache si era miracolosamente salvato dall’alluvione abbattutasi su Livorno, forse aveva intuito che la sua vita doveva essere molto preziosa agli occhi del Signore, ma ancora non poteva sapere quanto. In mezzo al fango che quella notte aveva invaso la sua camera, trovò la forza per aggrapparsi e non farsi trascinare via, confidando nella Provvidenza. Con la stessa forza, a distanza di tre anni, don Eustache è rimasto aggrappato alla sua fede e ha trovato la serenità per compiere con naturalezza un gesto meraviglioso:

donare uno dei suoi reni, perché un suo amico potesse tornare a vivere.

Eustache Ntambwe Makoyo, sacerdote originario della Repubblica del Congo è arrivato in Italia qualche anno fa per approfondire la conoscenza del canto liturgico, a Roma, e durante i suoi studi accademici sta offrendo il proprio servizio pastorale alla diocesi di Livorno. Qui ha fatto amicizia con tanti confratelli sacerdoti, tra cui don Jean Michel Moukouba Bamana, anch’egli africano, anch’egli nato in Congo, ma nella Repubblica Democratica.

Don Jean Michel, in Italia da molti anni, da qualche tempo stava vivendo un piccolo calvario a causa di una grave malattia ai reni, che lo costringeva a sottoporsi alla dialisi per diverse ore al giorno. Unica possibile via d’uscita sarebbe stata quella di un trapianto. Ma trovare un donatore…

Don Eustache, che già nella sua terra aveva conosciuto sofferenze simili, senza pensarci due volte si fa avanti per donargli uno dei suoi reni. “Mi era già capitato di sentire parlare di trapianti – ricorda –. In Congo il mio Vescovo, anche lui ammalato, aveva ricevuto un rene dal nipote ed era guarito. Allora mi ero informato e avevo capito che si poteva vivere bene anche con un rene solo. Per questo quando Jean Michel ha iniziato ad aggravarsi e a soffrire di più, gli ho offerto il mio aiuto.

Inizialmente lui non voleva accettare. Forse non credeva che lo avrei fatto veramente.

Le sue condizioni però continuavano a peggiorare e io non smettevo di insistere.”

Non era semplice accettare un regalo così grande. “In questi anni di malattia ho sperimentato sulla mia pelle la fragilità della vita – racconta Jean Michel –. Pur soffrendo moltissimo, non credevo possibile un gesto così generoso. L’insistenza di don Eustache però è stata davvero grande: si è messo in contatto con i medici di Modena, che mi avevano in cura, e a settembre del 2020 finalmente ci siamo incontrati per iniziare il percorso. È stato un percorso lungo: analisi, visite mediche, ostacoli da superare e a volte tanta fatica. La sua presenza è stata forte e costante, rimanendo però sempre discreta. Per me è stato veramente il dono di un fratello.

Noi sacerdoti siamo una vera famiglia e io non posso che ringraziare il Signore di avermi fatto incontrare un fratello come lui”.

L’intervento è stato eseguito ai primi di marzo del 2021 al Policlinico di Modena, con tecniche all’avanguardia, ed è perfettamente riuscito. Dopo alcune settimane in osservazione i due sacerdoti hanno potuto riprendere la vita di sempre.

“Questa estate sarei dovuto rientrare in Congo – rivela don Eustache –: ho finito i miei studi proprio a giugno ed ero pronto a rientrare, ma i programmi possono cambiare. L’intervento mi costringerà a restare in Italia ancora un anno per sottopormi ai controlli medici, insieme a Jean Michel. Forse avrei potuto tirarmi indietro, ma sentivo che non sarebbe stato giusto: la vita di un uomo non ha prezzo e quella di Jean Michel aveva la precedenza sui miei piani. Adesso lui è tornato a camminare, non dovrà più fare la dialisi, tornerà presto anche agli impegni pastorali nella sua parrocchia. Vederlo così mi riempie il cuore di gioia. La sua felicità è anche la mia”.

(Chiara Domenici)

20 Luglio 2021
raccontaci

Hai una storia da raccontarci?

Condividi la tua esperienza, ti potremo contattare per saperne di più.

Iscriviti alla nostra newsletter