14 Settembre 2021

Con don Giorgio, musica e sport per gli under18 dell’Ogliastra

«Dalle famiglie che ci hanno parlato dei figli in crisi è nato questo progetto per dare ai giovani fra i 14 e i 18 anni luoghi di aggregazione, creatività e cultura» racconta don Giorgio Cabras, direttore della Caritas diocesana di Lanusei e Tortolì.

«All’inizio ho esitato ad accettare l’invito a vederci tre mattine a settimana in oratorio: dopo così tanti mesi a fare lezioni di latino dietro ad un pc – racconta Andrea, 16 anni – pensavo di andare in spiaggia o in giro con i miei amici. Poi ho iniziato a frequentare gli incontri e mi sono piaciute tantissimo sia le attività sia l’occasione di conoscere altri ragazzi». Lo studente del liceo classico di Tortolì è uno dei circa 20 ragazzi protagonisti del progetto “Si può fare”: un programma di attività estive a base di laboratori di musica, teatro, attività sportive tra i due oratori inter-parrocchiali di Lanusei e di Tortolì, indirizzate ai giovani tra i 14 e i 18 anni. Il progetto rappresenta una delle risposte della diocesi di Lanusei all’emergenza sociale ed educativa che colpisce, dopo un anno e mezzo di pandemia, buona parte dei bambini e adolescenti dell’Ogliastra, la vasta area nuorese a ridosso delle montagne della Barbagia. In questa, che è una delle aree meno popolate della Sardegna (appena 54mila abitanti), la povertà educativa unita alla mancanza di luoghi di aggregazione e alla separazione geografica tra i piccoli paesi, è stata resa ancora più aspra dal Covid 19.

«Ci siamo messi in ascolto dei bisogni delle famiglie, che ci hanno parlato del grande disagio dei figli adolescenti a causa della pandemia» racconta don Giorgio Cabras, vicario generale e direttore della Caritas diocesana dopo esser stato per vent’anni parroco di San Giorgio a Tortolì. «Durante le serate del lockdown abbiamo pensato a cosa potessimo fare ed è nato questo progetto, che prevede spazi nuovi di socialità e di integrazione con un accompagnamento anche ai genitori».

Il progetto Si può fare, avviato a febbraio 2021 e che in un’ottica di inclusione sociale ha cercato di far incontrare minori provenienti da famiglie disagiate con ragazzi di famiglie più benestanti, rimarrà attivo anche nei prossimi mesi e rappresenta una proposta offerta a tutta la diocesi grazie ai fondi dell’8xmille della Cei.

La Sardegna è una delle regioni con il maggior tasso di dispersione scolastica in Italia, il 15,2 per cento, che raggiunge il 37,4% tra gli studenti delle scuole superiori.

«Su 34 parrocchie sono aperti appena quattro oratori e l’assenza di spazi di crescita umana, spirituale e culturale incide sulla povertà educativa» rimarca don Giorgio, che come parroco per vent’anni a Tortolì fino al 2015 ha promosso ogni estate Grest frequentati da 300 ragazzi.

«I punti di forza di questo progetto sono l’integrazione fra musica e sport, due tra le attività più amate dai giovani – spiega Sergio Mascia, formatore e responsabile del progetto – ed il supporto psicologico dopo i lunghi mesi di lockdown. Abbiamo coinvolto i ragazzi nell’organizzazione delle uscite tematiche, e abbiamo cercato di lavorare sulle capacità relazionali, sull’autostima e sullo sviluppo delle competenze. Nel laboratorio teatrale sono stati invitati a portare in scena il loro vissuto e le loro difficoltà, in modo da trarre beneficio dalla narrazione autobiografica». Un modello che si sta rivelando vincente e da estendere anche in altre aree.

(Manuela Borraccino)

Riprese e montaggio del video: Gabriele Incollu – Si ringrazia la diocesi di Lanusei per il contributo di Laura Porcu

 

14 Settembre 2021
raccontaci

Hai una storia da raccontarci?

Condividi la tua esperienza, ti potremo contattare per saperne di più.

Iscriviti alla nostra newsletter