9 Maggio 2016

A Bari, con don Franco: una Chiesa a servizio degli ultimi

Don Franco Lanzolla è il parroco della Cattedrale di Bari. Con un piccolo esercito di volontari ha messo su un ambulatorio, una struttura per immigrati e famiglie in difficoltà, una mensa in grado di fornire 140 pasti al giorno, assistenza ai senzatetto e la distribuzione di viveri alle famiglie meno abbienti.

Don Francesco Lanzolla, è il parroco della Parrocchia Cattedrale di Bari, ed il responsabile dell’Ufficio diocesano per la Pastorale della famiglia. A Bari, se pur con diversi incarichi è parroco da 27 anni, ed è forse per questo che nella città vecchia, per il suo popolo è semplicemente don Franco.
Un popolo fatto di poveri, di stranieri in fuga, di madri sole con i mariti in carcere per reati di stampo mafioso, ma anche di giovani, di uomini e donne instancabili nel promuovere e organizzare le tante attività della parrocchia.

Dal loro impegno prendono vita progetti come l’ambulatorio con otto medici, infermieri, e una distribuzione gratuita di medicine di base. Una struttura destinata ad accogliere immigrati e famiglie in difficoltà ma che dispone anche di un servizio a domicilio per anziani e malati costretti all’immobilità.

Come la mensa in grado di fornire 140 pasti al giorno, l’assistenza ai senzatetto nella piazza della stazione, la distribuzione di viveri almeno una volta alla settimana ai cittadini meno abbienti.

Ma il dono più grande che don Franco ha fatto ai suoi fedeli è quello della spiritualità. Aiutandoli ad essere una comunità di uomini e donne “adulti nella fede”, consapevoli che la parrocchia non è semplicemente un centro di distribuzione servizi, ma una comunità di fedeli che solo nei valori della solidarietà si scoprono cittadini di uno stesso territorio.

Membri di una Chiesa che nella strada si fa famiglia, una famiglia che vive nella comunità, e che proprio al servizio della comunità è destinata.

9 Maggio 2016
raccontaci

Hai una storia da raccontarci?

Condividi la tua esperienza, ti potremo contattare per saperne di più.

Iscriviti alla nostra newsletter